Reading Time: 2 minutes

LIBANO

Questo è il nuovo bagaglio di esperienza con la quale torno a casa, dopo la mia esperienza di volontariato in Libano, nel 2018:

  • l’ appartenenza a religioni diverse qui, si sente e si nota;
  • il trasporto pubblico non esiste. Esiste quello privato, senza regole, senza orari ma nessuno rimane mai a piedi e funziona, molto meglio di quello Italiano;
  • un concentrato di stranieri elevatissimo;
  • i Libanesi, in generale, parlano come minino 3 lingue: Arabo, Francese, Inglese;
  • il cibo libanese, nonostante in Italia lo si conosca poco, può creare dipendenza;
  • un amore spassionato per cani & gatti;
  • la maggioranza dei Libanesi vive all’ estero;
  • negli ultimi anni, il governo Libanese ha accolto un numero spropositato di Siriani. Lo stesso governo Libanese poi non li riconosce e vengono impiegati per lavori umili e sottopagati (ci sembra di averla già sentita questa storia e storia molto lunga);
  • il paese per quanto sia piccolissimo, geograficamente parlando ha tutto: mare, collina, montagne e tantissima storia;
  • per il cliente si ha rispetto totale;
  • le donne sono bellissime, come everywhere mi verrebbe da dire, e lo sono anche gli uomini, molto;
  • welcome to the M.E. alcool proibito…well not really;
  • per quanto riguarda il parco macchine, la dimensione media quasi non esiste;
  • camminare per la città, è una rarità;
  • nei locali in cui vendono cibo, spesso regalano qualcosa da assaggiare;

Libano il paese dove il caos è ordine

  • la gente per strada sorride e saluta;
  • “accogliere” i Siriani fuggiti dalla guerra ha creato come dire, un pò di razzismo (storia lunga anche questa);
  • la maggioranza delle bellissime case coloniali Francesi, vengono sostituite da sterili grattacieli, spesso vuoti (storia lunga anche questa);
  • socializzare è super easy;
  • sono convinti di guidare come gli Italiani. Abbiamo cercato, in maniera molto gentile di spiegare, quanto loro siano più “creativi” e di come siano meno aggressivi di noi, al volante;
  • per tre ore al giorno, la luce elettrica sparisce e quindi per chi se lo può permettere, si attiva il generatore alternativo; 
  • le persone con i capelli di colore rosso sono assai rare e scatenano una sorta di adorazione;
  • la musica è ovunque & spesso alta;
  • passaporto, questo sconosciuto. Per problemi diplomatici con Israele e non solo, uscire dal paese non è per nulla facile;
  • incontrare alle 02.00. a.m. bambini Siriani, da soli, che vendono in giro per la città di Beirut fiori o cicche;
  • sognano l’Europa e non solo, immaginandosela come un paradiso, dove tutti sono sorridenti, carini, altruisti e gentili.

 

 

Ti potrebbe piacere: