Reading Time: 5 minutes

 

Disegual: A Cosa Sei Disposto Per Ottenere X Gratis… 

L’esperimento con Disegual, di ritrovarsi in mutande e reggiseno, per verificare quanto, l’essere umano sia disposto a fare, se gli viene promesso qualcosa gratis, senza troppi ma e senza troppi perché.

Articolo scritto nel lontano 2017, uno dei primi…

Erano anni che conoscevo la marca Spagnola ed erano altrettanti anni che, rivedevo lo slogan/evento promosso dal brand, all around the world, di presentarsi in mutande e reggiseno, ottenendo così tre capi gratis.

Quando nel 2012-2013 sono tornata in quel di Barcelona, mi sono ripromessa che mi sarei impegnata.

Ci sarei andata.

Volevo vedere quanto l’essere umano fosse/era disposto a fare, in cambio di qualcosa gratis.

Così, ho seguito tutte le varie scadenze e istruzioni del caso, partecipando al “party” Disegual, se così lo vogliamo chiamare.

A Cosa Sei Disposto Per Ottenere X Gratis 

Sveglia alle ore 05.00 a.m.

Esco di casa vestita. Vado alla fermata dell’autobus Disegual che mi avrebbe portato, poi, davanti ad uno dei tanti negozi presenti in quel di Barcellona. Nello specifico si trattava del famoso & fashion Paseo de Gracias. Salgo sull’autobus ancora addormentata per ritrovarmi nel bel mezzo di una discoteca: bolle di sapone, luci e musica sparate a palla.

Tutti i passeggeri sono  in mutande e/o reggiseno. E’ il mio turno.

Mi spoglio.

Il bus si ferma e ci invitano a scendere. Una fiumana di persone vestite o meglio svestite, si riversano, ammassandosi, davanti alla sede centrale di Disegual.

Disegual

A Cosa Sei Disposto Per Ottenere X Gratis 

E’ vero che a Barcelona non fa quasi, mai freddo, ma stare in mutande e reggiseno durante i mesi invernali, all’aperto, non è comunque proprio il massimo della goduria. 

Imbarazzo iniziale nel parlare con perfetti sconosciuti indossando la mia biancheria intima e poi anche qui, si va in liscissima discesa.

Il negozio apre alle 09.30 a.m. e scopro che una quantità enorme di persone si è assicurata, una possibile posizione il più vicino possibile all’ entrata. Sono lì dalla sera prima, muniti con tanto di sacco a pelo. 

Ci avvisano che stanno per mollare la presa. Dato il mattume che ho facilmente intercettato, mi concentro perchè sono letteralmente nel mezzo e vorrei evitare di cadere o farmi male.

A Cosa Sei Disposto Per Ottenere X Gratis 

All’ apertura delle porte del negozio, come se avessero appena aperto un bunker pieno di lingotti d’oro, la massa, si muove insieme con grida e urla di chi, disperatamente vuole entrare subito, now, adesso, immediatly.

Entro anche io, seguendo il movimento creato da chi da dietro, spinge. Una volta in, osservo come si sviluppa e muove il tutto, dato che non sono lì, per l’interesse di ricevere i famosi 3 capi gratis.

Sono lì per vedere a cosa si è disposti per ottenere x gratis. 

Alcuni si muovono lenti senza stress o fobia di non poter scegliere il capo migliore ma, la maggioranza sembrano schegge impazzite, come se la loro bussola avesse smesso di funzionare. Sopra (sì perchè ci sono due piani), sotto, a destra e a sinistra. Persone con tra le mani, una valganga di capi da provare, dei quali la metà cascano a terra e le povere commesse, dietro a raccogliere il tutto. Alcuni corrono, altri gridano perchè due o più persone hanno addocchiato lo stesso capo. Ci sono anche donne che si tirano i capelli. Mi sorge un dubbio: siamo all’ interno di film, solo che non siamo stati avvisati, hanno pagato alcuni possibili acquirenti oppure se è tutto vero, quelli, di umano hanno solo l’ aspetto fisico. 

I capi della Disegual hanno prezzi super abbordabili. I suoi disegni sì sono originali ma, sono prodotti alla portata di tutti. Prezzi così bassi perché c’è sempre il solito schema: “prodotti nei soliti x paesi e nella maggior parte dei casi, da minori e/o donne”. 

A livello di marketing, è stata una genialata e questo è fuori discussione. Regalare tre capi che, probabilmente invenduti dopo il periodo di saldi, sarebbero finiti nel dimenticatoio.

Mi sono chiesta più volte. Non ci sarebbe stata maggiore visibilità, per esempio, se la Disegual avesse regalato detti capi, ai senza tetto ? Forse, se non sei etico dentro, non lo sei, punto e basta. Oppure, lo ha fatto ma io non ne sono a conoscenza o non l’ ho trovato on line.

Il perché del tutti impazziti e del così tanta affluenza da sempre, è semplicemente scatenato dalla parola “gratis”. Un marketing sicuramente innovativo, ma che sfrutta ancora una volta il consumatore a proprio favore. In questo caso si tratta di visibilità nuda & cruda.

Ti spogli ? Ti regalo.

Tette e culi al vento, nelle zone centrali di alcune città Spagnole e non solo, visibili alle miriadi di turisti che le affollano !?? Manna dal cielo…

Concedetemi l’ espressione ma: “Chi può desiderare un alza bandiera migliore di questo” ?  

A Cosa Sei Disposto Per Ottenere X Gratis 

Gratis, nonostante tutti nella parte di mondo “sviluppato” abbiamo gli armadi che trasudano ma, a quella fatidica parola, scattiamo tutti sull’ attenti. Siamo in love con tutto ciò che è materiale e non ci facciamo mai troppe domande. 

L’ ultimo pezzo della filiera: noi, io, tu. Il consumatore, che non ha ancora preso coscienza, di quanto sia stato e sempre lo sarà, colui in grado di sbloccare tutto ciò che non è equo. Il consumatore, in grado di raddrizzare ciò che è diventato obliquo. Basta poco. E’ necessario farsi solo alcune domande, vedere oltre l’ orizzonte o semplicemente, guardare dietro l’ angolo. 

Partecipare all’ iniziativa è stato veramente illuminante e fuori da qualsiasi riga, così tanto che a volte mi dimentico perfino di avervi partecipato. E’ stato però, anche poco rassicurante. 

A Cosa Sei Disposto Per Ottenere X Gratis 

Cosa succederebbe, infatti, se la posta in gioco per ottenere qualcosa gratis fosse più alta ? A giudicare da quello che ho sentito e ho visto dentro al “party” della Disegual nulla di troppo buono, ma sono positiva e quindi credo che, l’essere umano possa sempre migliorare.

Per quanto riguarda i miei capi Disegual, una volta scelti, nel mio caso è stata durissima riuscire a trovare il terzo, li ho usati alcune volte per poi regararli quasi subito.  

Aggiornamento/Link al 2020 che mai avrei pensato di fare, ma here we are.

Il consumatore, non ponendosi nessuna domanda o spesso ancora troppo poche, è pronto a dire SI’ a qualsiasi cosa gratis, gli venga propinata ? 

Oppure.

Il consumatore, è disposto a rinunciare a qualsiasi elemento della propria vita, come: diritti inalienabili, spostamenti, libertà di espressione, gli venga ordinata, proprio come quello di rimanere con la biancheria intima davanti a tutti, ovvero esiste un limite…, e chi lo stabilisce

Nel caso della Disegual, la Disegual. 

Nel caso della vita umana, le Costituzioni & i fior fiori di Trattati Internazionali costati la vita, purtroppo a troppe persone, sparse all around the world.

Se non esistono i limiti, si è in balia di chi decide per gli altri. Se non diventiamo sempre più coscienti, la nostra coscienza ci verrà rubata, proprio da chi si avvale del potere di decidere, sostituendosi a noi stessi.

Basta veramente poco. E’ necessario solo porsi alcune domande e, ciò che era diventato storto, diventerà finalmente dritto, per il bene di tutti. 

Se interessati a scoprire un ulteriore articolo, scritto nel lontano 2018, con profonde somiglianze per non dire uguaglianze, con il momento attuale (2020-2021) potete leggere qui.

Foto di ardeshir etemad da Pexels

*Se questo articolo ti ha ispirato e/o illuminato, lo puoi condividere tramite telegram, altrimenti è giusto come le api, che tu raccolga il polline da fiori che ti attirano di più. Grazie Anyway, di essere volato qui, anche solo per pochi minuti*

Ti potrebbe piacere:

2 commenti

  1. Miss @hopelesswander.eu, grazie mille per queste parole/concetti/link. Ci danno la forza e la spinta ad andare avanti, nella direzione giusta. Non so, proprio, da dove cominciare a commentare, le tue parole così fluide. Sarebbe da commentare ad ogni punto. Quindi mi soffermo solo su un PUNTO, chiaro e noto a tutti, ma che spesso e volentieri, letteralmente ci “frega”: NON MI SERVE/NON LO VOGLIO. Good ernergies around you 🙂 !!!

  2. La Desigual (marca che ora costa un occhio della testa, un quarto di rene e tre quinti di fegato. Perlomeno fatta la proporzione qualità:prezzo:eticità) è un marchio al quale non sono mai riuscita ad affezionarmi. Vuoi per i prezzi al di fuori del mio budget, perlomeno per una gonna che non metterei mai e che mostrerei solo per pura peer-pressure, vuoi per il fatto che io indossi ben pochi capi colorati, non sono mai stata una fan. Forse è anche per questo che non capisco la gente che si ammassa in mutande per vestiti che altrimenti, capiamoci, probabilmente non vorrebbero. È il concetto del “me lo regalano, quindi lo voglio” ed è lo stesso motivo per cui ho visto colleghi italioti (il termine non è scelto a caso e mi sento di sottolineare lo -ioti) postare su vari social network le loro foto in pigiama e pantofole da McDonalds solo per avere 10 coupon gratis per far colazione con caffè scadente e muffin pre-confezionati o prodotti letteralmente in serie.
    Lo stesso motivo per cui ho visto gente letteralmente ammassarsi di fronte alle porte ancora chiuse di ipermercati e negozi… sembra abbiano paura che la guerra sia ad un passo (spoiler alert: lo è) e loro siano sprovvisti del tritatutto a 15 lame e del tagliere intelligente che separa il grasso dal prosciutto.
    Probabilmente perché credo nelle microeconomie, nelle attività sostenibili e nello scambio equosolidale, tendo a comprare SOLAMENTE ciò di cui ho bisogno e a lasciare indietro il resto. Se non mi serve non lo voglio, perché trascinarmi uno zaino troppo pesante sulle spalle mi ricorda solo quanto sia sbagliato attaccarsi alle cose futili, che non ci arricchiscono e danneggiano il prossimo. Insomma: niente corse nuda e pelosa dietro alle vetrine di Desigual, niente Nutella, niente Olio di Palma e quanto più sostegno alle economie locali possibile. Queste sono proprio le cose che non mi dispiace lasciare andare 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.