Farsi i COMPLIMENTI tra donne (e non solo) fa BENE


Ci siamo accorte, guardandoci in giro che, in generale, le donne, non si fanno più i complimenti tra di loro.

E’ qualcosa di molto raro, e invece è una cosa bellissima, che fa bene e che aiuta tutti.

Anche quando una è vestita benissimo, non nel senso che ha qualcosa di super alla moda, ma nel senso che lei ha qualcosa che sta indossando, che sia un orecchino, un paio di sandali, un vestito, che la illumina di una luce solo sua, i complimenti delle donne/amiche, around, raramente arrivano.

Perché ?

Perché fondamentalmente sembra esserci around la cara amica invidia,  quel sentimento di volere quello che gli altri hanno e che tu invece non possiedi. Peccato però, che ci sarà sempre qualcuno di più bello (anche se il bello spesso  è veramente molto relativo), di più magro, di più tonico, di più smart, di più fortunato, di più insomma…!!! E allora, si tratta di: “Una battaglia personale, persa già in partenza”.

Non è più facile quando vedi qualcuno che, in quel particolare momento è in forma (in senso lato), sia che sia una persona che conosci, sia che sia un passante/sconosciuto incrociato per strada, fargli un complimento ? Gli occhi, chi ha la fortuna di averli ben funzionanti, ci permettono di vedere quello che ci circonda e con la nostra voce, sempre se abbiamo la fortuna di averla ben funzionante, possiamo esprimere quello che gli occhi vedono. Fare i complimenti fa bene a tutti: a chi li fa, perché si mette in una posizione di sincerità, senza aspettative, e fa bene a chi li riceve, perché non sempre i giorni, sono giorni si’.

Così abbiamo fatto un passo indietro, cercando di capire il dove e come, questo non farsi i complimenti tra donne abbia avuto inizio. Crediamo di aver trovato la risposta. Gli uomini, spesso e volentieri, fanno pochi complimenti alle loro compagne e da qui, può arrivare la poca fiducia in se’ stesse, l’entrare in competizione con il restante Universo femminile e può fare capolino, appunto, l’invidia.

Circolo semplice, Casino altrettanto semplice

Guardandoci indietro, in un passato veramente molto molto lontano, quando N.O.B. era veramente giovane, abbiamo rivisto alcune cose che ci sono successe, inerenti questo post e queste riflessioni.

I partners da cui abbiamo ricevuto, sempre, dei complimenti o erano del Sud Italia o erano stranieri.

Due aneddoti, divertenti, che mi sono venuti in mente, la scorsa notte, mentre facevo la doccia, e si sa: “Quando le donne fanno la doccia, arrivano le illuminazioni”:

I COMPLIMENTI tra DONNA e DONNA

  1. Situazione estiva. Siamo con un gruppo di amicizie femminili Italiane. Si avvicina un ragazzo che conosco da sempre e super simpatico, con un altro ragazzo. L’altro ragazzo non l’avevo mai visto prima, anche se  era assolutamente della zona. Un sorriso e due occhi da paura (almeno per me). Ci presentiamo. Altra festa in spiaggia e il trio si ri-becca nuovamente. Mister Sorriso/Buonissima Vibra, si mette a parlare con N.O.B. e in maniera super gentile ed educata, comunica in presenza del trio, che se non fosse stato fidanzato, avrebbe già invitato N.O.B. ad uscire (uomo d’altri tempo, pensa N.O.B., dato il “caos” in materia di relazioni sentimentali che si vede around). Arriva una del gruppo di amiche citate sopra e, senza tanti peli sulla lingua, afferma che Mister Buonissima Vibra è “gay”. N.O.B. rimane un poco stordita e poi passa tutto. Le (non) coincidenze hanno voluto che, dal non vedere mai in giro Mister Bellissimo sorriso, in quella estate, me lo sono ritrovato sempre around. Prima a fare le foto alla mia vicina di casa che si sposava, e al quale, la mamma di N.O.B. insistendo, ha voluto regalare assolutamente un cestino di ciliege. Poi ad un altro matrimonio, dove lui,  è sempre il fotografo, che da quel giorno, decide di chiamarmi “Miss Ciliegia”. A distanza di quasi un anno, ci  siamo rivisti per caso, abbiamo fatto due chiacchiere, e quello che, secondo l’amica doveva essere gay, era, invece, felicemente innamorato e convivente con la sua RAGAZZA (una modella).
  2. Situazione invernale. Un gruppo di amicizie, sempre quelle citate sopra, invita N.O.B. ad uscire. Andiamo. Entriamo in un locale e un ragazzo, come si dice in Romagnolo: “Ci dà da dire”. Vengono scambiati i numeri di telefono, si balla un poco insieme e alla fine, ci si saluta con una grande stretta. Arriva la stessa amica, del punto uno/situazione estiva, che sulla strada del ritorno, dice di conoscere il ragazzo, un tossicodipendente, appena uscito da una comunità. Anche questa non male dai !!! Quel ragazzo mi scriverà, non c’era ancora la tecnologia di oggi, e a quel messaggio N.O.B. lascierà cadere ogni possibilità di uscita (Se potessi tornare indietro,  uscirei con il boy, senza ascoltare “Le Simpatiche” riflessioni altrui).

La morale di questi due punti appena spiegati ?

L’esistenza, la prova reale dell’invidia femminile, del creare casino, del diffondere poca stima negli altri. Esiste e per noi di N.O.B., non porta nulla di buono, anzi, è controproducente per tutti.

I COMPLIMENTI tra UOMO e DONNA

  1. L’uomo del Sud e l’uomo straniero (almeno per le esperienze di N.O.B.), nella maggior parte dei casi, farà sempre i complimenti alla sua compagna, facendola sentire una vera Principessa.
  2. L’uomo che non ti fa i complimenti: “Ma neanche” (come si dice in Romagnolo). Anzi, si sofferma sulle quelle parti fisiche di te, che non sono perfette (che poi la perfezione esiste-VA solo in natura), quando tu invece, donna, spesso, sei molto più avanti, dato che non fai mai commenti sulle parti fisiche altrui, su cui si potrebbe, benissimo, dire qualcosa. Esempi ? Ce ne sarebbero tanti e riguardano la vita precedente di N.O.B., quando pensavamo che, il non ricevere complimenti e ricevere, invece, osservazioni, sui nostri difetti, fosse una cosa normale e giusta (Grande Errore) !!! Un aneddoto però lo raccontiamo. Ripensandoci ora, ci ridiamo,  ma è stata abbastanza difficile uscirne. Uomo del centro Nord Italia, con un naso super pronunciato, un difetto enorme, che a noi però piaceva assai. Una imperfezione che rendeva unica la persona. Mai fatto N.O.B. un commento sul naso veramente alla Dante. Lo stesso uomo una sera se ne esce con questa frase: “N.O.B. non sei bella, sei un tipo”. LA FRASE, una frase che ha destabilizzato intere generazioni femminili. Quella “osservazione/giudizio” è entrata dentro di noi e, senza che ce ne rendessimo propriamente conto, per anni, ha lavorato controcorrente, nei confronti della nostra personale autostima. Ora premesso, che è bello ciò che piace, si sappia che l’uomo in questione non era assolutamente Mister Universo.

N.B. : N.O.B.  è donna, ha superato i 40 anni e oggi si conosce e si sente molto, ma molto più femminile, di quando ne aveva 25. N.O.B. è eterosessuale, ma abbiamo tantissimi amici/amiche omosessuali e da loro, in termini di come e quanto fare i complimenti, c’è solo da imparare.

La morale GENERALE di questo POST ?

Uomini: “Fate i complimenti alle vostre Donne”.

Uomini:  “Se scegliete la Vostra Donna, perché si presume che vi siate scelti, perché elemosinate” !!!

Uomini: “Perché soffermarsi sulle cose che non sono perfette. Piuttosto, soffermiamoci, tutti, su quelle cose che ci attirano, che si scaldano, che rendono per noi unico/a il/la nostro/a partner”.

Uomini: “Fate sentire una PRINCIPESSA la Vostra partner: datevi la mano in posti improbabili, fate piccoli regali in giornate assolutamente anonime, baciatela tutte le volte che vi vedete, prendetela in braccio appena vi vedete o prima di fare l’Amore (Sarebbe interessante chiedere quanti uomini hanno preso in braccio la loro partner).  Inviatele una canzone (adesso con la tecnologia è super easy). Abbracciatevi per strada, baciatevi al cinema come adolescenti, fatele i complimenti, nei giorni in cui notate in loro una luce particolare negli occhi, quando indossano qualcosa di originale e assolutamente particolare, che le rende uniche, uniche, perché Voi avete scelto proprio LEI.

Solo in questo modo, forse, il sesso femminile si sentirà più tranquillo, più sicuro di se’ stesso, in questo mondo in cui la perfezione e la giovinezza eterna, stanno mettendo radici profonde, everywhere, evitando di mettere in moto l’ingranaggio dell’invidia, che crea solo caos ed è una partita persa dall’inizio !!! Donne, siete una potenza in tutto, sia in termini numerici, sia in termini di potenzialità, non entrate in competizione, ma siate unite, e il mondo, anche il vostro personale mondo, si trasformerà, rendendo il tutto più facile.

Fate del bene, fate i complimenti quando vi arrivano da dentro, quando li sentiti nella pancia, perché fanno bene a tutti, anche a VOI che li state condividendo e rendendo pubblici !!!

Se volete saperne di più, di cose belle che succedono in Amore, quando si seguono le emozioni che spingono forte dentro, quando i complimenti sono alla base, e nonostante i mille problemi, si va avanti tutta, vi rimandiamo a questo post. Si tratta di una storia vera, e non di “Galbusera”, scritta a TRE MANI.

Enjoy mucho !!!

 

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti su “Farsi i COMPLIMENTI tra donne (e non solo) fa BENE

  • Bassem

    L’articolo tocca un sacco di punti importanti, e verissimo che al giorno d’oggi si fanno meno complimenti, sia alle donne sia agli uomini, anche io mi ci ritrovo in questa situazione, ma sto riuscendo a risolverla con l’aiuto della lettura ( un libro che ho letto e che riprendo sempre in mano e stato scritto da Dale carnagie e si intitola come trattare gli altri e farseli amici, pubblicato nel 1933 se non sbaglio ma attuale più che mai) e dell’acquisizione di abitudini positive come come il ringraziare e il fare complimenti (si eri però, che arrivino dal cuore), sicuramente un fattore che più aiutare tutti ( uomini e donne) nel fare più complimenti sinceri é la comunicazione sincere e senza astio che porta alla crescita di tutti.

    • Notonlybarcelona.me L'autore dell'articolo

      Ziao Mister Bassem !!! Grazie mille del tuo commento così dettagliato e soprattutto, del tuo commento in quanto uomo 🙂 Non conosco il libro, ma prendo nota e me lo leggerò di sicuro, soprattutto se dici che è stato scritto nel 1933 e oggi ancora attualissimo.La “Comunicazione Sincera”, esatto, “E’ LEI”!!! Merci, really !!!