Reading Time: 3 minutes

 

Evoluzione Umana Individuale Versus Evoluzione Umana Collettiva

Qui, l’elenco di quello che ogni borsa magica del LasciareAndare (1 solo verbo), ha scelto di Lasa Andè.

Se ce la fate, leggete tutto d’un fiato…

————————————————————-

1) I miei dubbi sull’esistenza dell’Amore;

2) Le mie insicurezze personali che mi trattengono dallo sviluppare il mio progetto imprenditoriale;

3) La baja autostima y la poca confianza en mi misma;

4) La paura fisiologica, quella che parte dalla stomaco. Dura pochi minuti, e poi passa, lasciando spazio al vuoto, che mi permette di lanciarmi;

5) Il mio Karma;

6) Il mio conflitto con il merito;

7) La paura di non farcela a dimagrire;

8) Le situazioni parentali incancrenite;

9) Le abitudini che influiscono negativamente;

10) Le frustrazioni per quello che, penso, avrei potuto fare meglio;

11) La paura, il dubbio, il timore, di sentire veramente ciò che il cuore sa già perfettamente;

12) Un amore del passato;

13) Pretendere sempre troppo da me;

14) Niente. Io sono tutto difetti, pregi, paure e certezze. Senza un solo elemento non sarei io;

15) La paura di rimanere sola e di sentirmi abbandonata;

16) Le persone che non c’entrano nulla con me e che ho frequentato negli ultimi anni;

17) I Kg di troppo;

18) La mia parte razionale che mi regala spesso insicurezza ed esagerata preoccupazione;

19) La vulnerabilità;

20) L’ansia;

21) Il dolore di aver abortito che non mi permette essere libera di perlustrare seriamente altre possibilità di essere madre;

22) La malsana abitudine di sentirsi in colpa se non mi conformo agli standard altrui;

23) La esistenza al dedicarmi alle mie passioni dando sempre la colpa alla mancanza di tempo;

24) Le mie non scelte;

25) Le paure;

26) La paura della paura della paura della paura;

27) Senso di colpa verso le situazioni passate;

28) Tutte le mie paure;

29) Il mio controllo emozionale, la paura di mostrare la mia fragilità’;

30) La paura;

31) La rabbia verso le persone;

32) Il giudizio verso me stessa;

33) Legame eccessivo di protezione dato e ricevuto in famiglia e senso di debito nei loro confronti;

34) La maschera di protezione che ho creato intorno a me;

35) Resistenze allo sviluppo personale;

36) La paura di non riuscire a comunicare in Inglese;

37) La resistenza;

38) Il complesso, che mi porto dietro dall’infanzia, di non essere abbastanza brava, bella, importante, interessante, per gli altri;

39) La mia convinzione di essere sola;

40) My fear to jump and embrace my own project, where and what ever will be;

41) L’ansia dal lavoro;

42) L’ansia e la carogna verso i rincoglioniti;

43) I piccoli vizi;

44) Tutto ciò che mi ha portato-porta lontano dal sentire le mie emozioni e dal prendere consapevolezza di cui sono veramente oggi;

45) Una situazione di lavoro super interessante in cui, ho aperto tutto il contenitore della mia fiducia e disponibilità, e senza rendermene conto, mi sono sentita poco a poco risucchiare e manipolata;

46) La paura di mostrare le mie emozioni, i miei pensieri, di dare voce a quello che sento, perché credo che non sia abbastanza opportuno o giusto. Vorrei quindi trasformare la mia estrema sensibilità  in qualcosa di positivo, come del resto è;

47) La mia paura di non essere in grado di fare le cose da sola;

48) La parola devo;

49) La mia preoccupazione per il futuro, non averne il controllo, rischiando in questo modo di vivere nel passato e nel futuro;

50) LascioAndare gli uomini, quelli senza palle e ignoranti

51) La paura;

52) La mia attitudine a essere troppo esigente da me stessa e anche dagli altri, per vivere più serenamente;

53) Il controllo le suggerisce di lasciare andare il passato e il futuro, per riuscire a vivere solo il presente;

54) Il mio atteggiamento ingessato, troppo sulla difensiva, superare la paura e iniziare un percorso diverso;

55) La paura di fare la scelta sbagliata.

Cosa avete “sentito” leggendo il tutto ?

La parola più gettonata è:

paura.

Chissà se ricontattando oggi, le persone che hanno citato la parola paura, ansia, rimorsi, vivere nel passato o presente, sono avanzate = si sono evolute o sono rimaste ancorate allo stesso palo.

Se rimani uguale come individuo, stoppi il processo di evoluzione individuale.

Se non metti in moto il processo di evoluzione individuale, stoppi inevitabilmente, anche il processo di evoluzione collettiva.

Le sensazioni, leggendo l’elenco del lasciareandare, possono essere tante, partiamo però dalla più facile.

Si è messo l’accento sul blocco e non sulle difficoltà.

Si punta la luce sul problema (paura) e non sulla soluzione (evoluzione).

Sottile ma grandissima differenza.

P.S. E’ la comunicazione scritta che non va nella giusta direzione, perchè non siamo stati educati a riguardo o meglio, come sempre, ci hanno educato al contrario. 

Evoluzione è superare un ostacolo, trovare le soluzioni, aprire le nostre personali uscite di sicurezza, si va oltre.

Si inizia e si impara piano piano a stare sopra, a guardarsi dall’alto.

Cosa impedisce il processo dell’evoluzione umana, da sempre ?

La paura: perchè blocca.

E’ così.

Punto. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ti potrebbe piacere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.